giovedì 20 novembre 2014

mercoledì 12 novembre 2014

Recensione di Assedio sul blog Il flauto di Pan

Un'ottima e ragionata recensione di Assedio da parte di Miriam Mastrovito, che ringrazio, sul blog Il flauto di Pan.

Eccola qui.

Buona lettura!

martedì 11 novembre 2014

Un'intervista molto sui generis

Per chi ha un minimo di tempo da perdere e ha desiderio di ascoltare storie tragicomiche di progetti incompiuti e fallimentari, l'amico Mario Mucciarelli ha intervistato un po' di scrittori e sceneggiatori in vena di chiacchiere sulla genesi di un progetto incompiuto oppure una boiata a caso tra le tante in carriera. 
Fra gli intervistati, due amici come Cristiana Astori e Andrea Nobile.
E, udite udite, la prima delle interviste, tragicomica in tutto e per tutto, è la mia. Mario poi aggiunge il carico da novanta del suo sarcasmo. Li morte'.
Godetevi i progetti del cavolo di Vincent Spasaro and friends.

Qui il link.



lunedì 10 novembre 2014

giovedì 6 novembre 2014

Recensione del Demone su Cronache di un Sole Lontano!

Ed ecco qui una sontuosissima recensione a firma Stefano Sacchini sul blog/rivista diretto da Sandro Pergameno:

"Uno dei migliori romanzi italiani fantastici (o fanta-horror, per chi ama etichette più precise) che il sottoscritto abbia mai letto"

Un enorme ringraziamento a Stefano il cui entusiasmo per il romanzo traspare a ogni frase.
Grazie!

lunedì 6 ottobre 2014

Se un omicidio può dare origine a una casa infestata...






"L'orrore di Dio": recensione di Assedio da parte di Clelia Farris

Eccoci alla prima recensione del nuovo Assedio.
Ospitata sul blog del magnifico Daniele Barbieri, l'opinione di Clelia Farris, fra l'altro ottima narratrice di science fiction e fantasy.
Tutto per voi, Assedio.


http://danielebarbieri.wordpress.com/2014/10/06/lorrore-di-dio/#comment-12077

venerdì 3 ottobre 2014

Assenza (in)giustificata?

Ragazzi, mi scuso per l'assenza.
Molti di voi sapranno che ci sono e ci sono state varie novità.

Spero di aggiornare velocemente il blog. Intanto ecco qui.




domenica 7 settembre 2014

Guida ai supereroi!

Esce per Odoya a firma Luca Barbieri e Gianluca Ferrari il primo volume della nuova guida ai supereroi Marvel:

http://www.odoya.it/index.php?main_page=product_book_info&products_id=713



Se  siete appassionati di Hulk o dell'Uomo Ragno, non potete perderla.


Eccovi in anteprima la copertina. Enjoy!






venerdì 5 settembre 2014

Venerdì 12 Settembre Cagliari reading/concerto con Alan D. Altieri, Brigata Stirner e Vincent Spasaro




Amiche e amici sardi, vi comunico che venerdì 12 Settembre avrò il grande onore e il piacere di dividere il palco con l'immenso e inarrivabile Alan D. Altieri e la folle Brigata Stirner per una serata magica al Marina Cafè Noir festival di Cagliari.
Per l'occasione saranno in vendita alcune copie di Assedio in anteprima assoluta rispetto all'uscita ufficiale del 25 Settembre.

Ore 21, Giardino sotto le mura.
Siete tutti invitati.






sabato 16 agosto 2014

Recensione di Shipwreck su www.dragonjazz.com

Ragazzi, ecco una prima recensione (in francese) di Shipwreck dei Living Stilts sul sito di recensioni prog rock www.dragonjazz.com

Trovate l'intera recensione qui:






Ed ecco:

Le Rock Progressif : Disques Rares, Rééditions, Autres Sélections - Série V - Volume 1

Living Stilts est le projet du claviériste et compositeur italien Luca Mavilia qui propose ici un premier album dont le concept global est le naufrage d'un navire et le sort de ses passagers. La tragédie qui est abordée de différents points de vue est chantée en anglais et fait aussi l'objet d'un récit théâtral dans un style un peu gothique qui rappelle les romans d'aventure anglais du début du XIXème siècle (A Journey Into The Light). La musique est entièrement au service des textes qu'elle souligne et met efficacement en perspective. Occasionnellement, des effets de mer, de mouettes et d'éléments déchaînés viennent encore renforcer l'ambiance de cette sombre histoire. Et il y a même une plage (A Woman Part I Intro) qui n'est constituée que de bruitages où l'on devine une femme qui rentre seule chez elle et, dans le silence uniquement peuplé d'un battement d'horloge, finit par remonter une boîte musicale au son cristallin. Mavilia a fait appel à deux voix complémentaires, l'une masculine et l'autre féminine, ainsi qu'à divers musiciens en fonction des climats recherchés. L'orgue est dominant mais on entend aussi de belles parties de guitares électriques et acoustiques, des cordes, des choeurs, un piano acoustique... On pense parfois à Camel et à son magnifique Harbour Of Tears. Car à l'instar d'un Andy Latmer, la guitare saturée et les synthés parviennent à conjurer des images qui complètent les mots et transportent l'auditeur au coeur du récit (The Traveller). Les 14 plages ne s'écoutent pas individuellement: elles s'enchaînent comme les étapes inéluctables d'un destin qu'il faut vivre jusqu'au bout. Les harmonies vocales, la justesse des voix, la profondeur des arrangements, la qualité des mélodies ainsi qu'une production dynamique rendent cette oeuvre plus qu'attachante si bien qu'on ne peut qu'en recommander l'écoute à tous les amateurs d'albums conceptuels conçus autour d'un prog simple, mélodique et atmosphérique.

sabato 9 agosto 2014

Nuove presentazioni di Calcio e Acciaio di Gordiano Lupi a Piombino e Camaiore!





Domenica 10 agosto 2014 Ore 21.00Giardini Ex Pro Patria
Piombino
(sabato 9 a LIDO DI CAMAIORE, ore 18 e 30, Bagno Eugenia, vicino all'hotel Suisse, con Giuseppe Previti)
PRESENTAZIONE DEL LIBRO
Calcio e Acciaio
Dimenticare Piombino
di Gordiano Lupi
Presentato al Premio Strega 2014
Presenti l’autore Gordiano Lupi, il critico Fabio Canessa e i dirigenti dell'Associazione Culturale Amicizia nel Mondo
Pag. 200 – Euro 12,50 – Acar Edizioni, 2014 (Milano)
Calcio e acciaio - Dimenticare Piombino racconta con amore e nostalgia una storia ambientata in un suggestivo spaccato maremmano. “Aldo Agroppi era amico di sua madre, viveva in via Pisa, un quartiere di famiglie operaie, case bombardate durante la Seconda Guerra Mondiale, tragiche ferite di dolore, macerie ancora da assorbire. Giovanni ricorda una foto di Agroppi che indossa la maglia della Nazionale, autografata con un pennarello nero. Era stato proprio Agroppi in persona a dargliela, all’angolo tra corso Italia e via Gaeta, in un giorno di primavera di tanti anni fa, dove la madre del calciatore gestiva una trattoria, un posto d’altri tempi, dove si mangiava con poca spesa. Giovanni era un bambino innamorato dei campioni, giocava su un campo di calcio delimitato dalla sua fantasia, imitava le serpentine di rombo di tuono Gigi Riva, i virtuosismi di Sandro Mazzola, le bordate di Roberto Boninsegna, le finte dell’abatino Gianni Rivera e la vita da mediano di Aldo Agroppi, cominciata a Piombino e conclusa a Torino”.
Dopo tanti anni Piombino era ancora una volta il centro del suo mondo. Lo Stadio Magona aveva preso il posto di San Siro, le duecento persone domenicali che seguivano la squadra locale erano il suo nuovo pubblico, anche se i dribbling si facevano sempre più rari e le azioni più lente. Giovanni si preparava con scrupolo alle gare, spingeva i giovani a dare il meglio, insegnava, come un allenatore in campo che dispensava anni di esperienza.
La nostra cultura era quella del flipper con i record segnati con la penna biro, del calcio balilla con i vecchi calciatori decapitati e anneriti, dei primi videogames artigianali che si facevano strada. Non solo. Era la cultura del cinema con il doppio spettacolo domenicale e la signora che vendeva manciate di semi per poche lire. Era la cultura del campino sterrato della parrocchia, dove sognavamo di emulare Mazzola e Rivera. Era la cultura dei nonni che raccontavano le fiabe tenendoci per mano nelle giornate di vento.
Canali di Marina dove gettare una lattina di birra o le finte teste di Modigliani, emulando i cugini livornesi dopo una scorribanda tra amici. Scogliere di Fosso alle Canne, la luna a picco su una casa diroccata che sembrava uscita dai versi di Montale, io che recitavo La casa dei doganieri, la casa della mia sera, con la tua mano stretta nella mia e aspettavo un bacio, un segno che tutto sarebbe andato bene, che non mi avresti lasciato. Nottate di libeccio con il mare che superava la balaustra in ferro battuto del Porticciolo e bagnava le mura del vecchio ospedale. Maestrale che pareva uscito da un quadro di Fattori, mentre in Cittadella mi fermavo a guardare il mare in attesa di un bacio dalle tue labbra inesperte e tremanti, quasi come le mie.
Gordiano Lupi (Piombino, 1960). Dirige le Edizioni Il Foglio Letterario. Traduce gli scrittori cubani Alejandro Torreguitart Ruiz, Guillermo Cabrera Infante, Heberto Padilla, Felix Luis Viera, Virgilio Piñera e Yoani Sánchez. Ha pubblicato libri sul cinema italiano. Tra i suoi lavori: Cuba Magica – conversazioni con un santéro (Mursia, 2003), Un’isola a passo di son – viaggio nel mondo della musica cubana (Bastogi, 2004), Fellini – A cinema greatmaster (Mediane, 2009), Una terribile eredità (Perdisa, 2009), Fidel Castro – biografia non autorizzata (A.Car, 2011), Storia del cinema horror italiano in cinque volumi. Ha tradotto – per Minimum Fax – La ninfa incostante di Guillermo Cabrera Infante (Sur, 2012). Pagine web: www.infol.it/lupi. E-mail per contatti: lupi@infol.it

Un estratto da L'Estate Segreta di Babe Hardy di Fabio Lastrucci!


Ragazze e ragazzi, eccovi un breve estratto  e  la sinossi della commedia nera di Fabio Lastrucci.
Date un'occhiata e ditemi se non è il caso di leggere tutto il romanzo.





«Okay, chi glielo spiega, adesso?»
«Io passo», fece Oliver, deciso. «Qualcosa mi dice che sarebbe poco entusiasta della notizia.»
«Babe, tocca a te e lo sai. Tra noi due sei stato il primo a diventare un vamp…»
«Ti proibisco di usare quella parola, Sant’Iddio! Non siamo certo dei personaggi da incubo e nemmeno dei mostri sanguinari, e nemmeno…»
«Okay, okay, ho capito, non siamo questo, non siamo quello…» Stan si lasciò andare a una risata maliziosa e triste. «Eccoci a fluttuare nel limbo dei “nonpiri”. Eh, ti piace questa definizione, Babe? Dillo a Fin che siamo tutti nonpiri.»
Con un grugnito, Hardy girò le spalle per tagliare corto la questione. «Piantala di dire sciocchezze e aspettami qua.»
La sua sagoma imponente scivolò nella stanza da letto, lasciando da solo Laurel ad accendersi una malinconica Pall Mall.
Nell’arco di due o tre boccate, l’attore sentì un parlottare esitante che assunse presto degli accenti nervosi. Infine, dopo l’esplosione di un sonoro «che cosa?» fece seguito un tonfo e un grido baritonale.
Stan sospirò, sollevando lo sguardo al cielo con rassegnazione. Schiacciò il mozzicone sul pavimento.

Ecco un altro occhio nero in arrivo.





SINOSSI

La favolosa Hollywood degli anni ’30 si tinge di horror per un contagio ripugnante che si propaga grazie alla promiscuità dell’ambiente cinematografico. Le vittime mostrano un crescente bisogno di sangue, insieme a disturbi della personalità e bizzarri effetti collaterali.
Potrebbe mai trattarsi di vampirismo?
Lo sperimenteranno loro malgrado Oliver Hardy e Stan Laurel, trascinati in un incubo che coinvolge illustri colleghi la “fidanzata d’America” Mary Pickford, l’atletico Douglas Fairbanks Sr. e Bela Lugosi in una doppia vita da tenere nascosta alla legge, ai giornali e soprattutto al sinistro dottor Rainer Von Herb.
Tra pedinamenti notturni, profanazioni di tombe, sparizioni e ricatti sventati, le disavventure di Laurel e Hardy attireranno le indagini di un cocciuto tenente di polizia. Il duo incrocerà occultisti dispeptici e truffaldini, criminali di mezza tacca, cacciatori di vampiri e il terribile patriarca Arthur Jefferson, venuto dall’Inghilterra per restituire Stan Laurel al teatro.
L’azione si mescola all’umorismo nero in una black comedy che omaggia i miti del cinema attraverso una narrazione rapida e vivida.

Come la finzione del grande schermo, tutto si rivelerà molto diverso da ciò che appare. La spiegazione di ogni cosa giungerà in un convulso faccia a faccia con l’unico uomo a Los Angeles che conosce la vera natura del clan dei “notturni”.

domenica 3 agosto 2014

Il nuovo romanzo di Fabio Lastrucci!

Con immenso piacere vi presento il nuovo romanzo di Fabio Lastrucci, 'L'estate segreta di Babe Hardy'.
Si tratta di un lavoro che ho molto amato e che ho visto crescere passo dopo passo. Posso dire che mi sento un po' lo zio di questo romanzo.
Qui trovate i riferimenti:
Titolo: L’Estate Segreta di Babe Hardy
Autore: Fabio Lastrucci
Genere: Horror/Black Comedy
Pagine: 254
Prezzo: 3,99 ebook 9,90 cartaceo
Data di Uscita: 29 luglio ebook, Seconda settimana di settembre cartaceo
Disponibile nell’eshop qui:
http://www.dunwichedizioni.it/wordpress/prodotto/lestate-segreta-babe-hardy-fabio-lastrucci-ebook/
E su Amazon qui:
http://www.amazon.it/LEstate-Segreta-di-Babe-Hardy-ebook/dp/B00M82YIP6/ref=sr_1_24?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1406632498&sr=1-24&keywords=dunwich+edizioni




lunedì 23 giugno 2014

ALIA EVO

Se qualcuno di voi non se la sente di attendere Settembre per leggere qualcosa di demoniaco, qui trovate un racconto di yours truly insieme ad amici vicini e lontani.
Si tratta di autori del fantastico americani, giapponesi, cinesi, francesi (amici in spirito, in questo caso), e soprattutto molti italiani. Cito tutti:
Cometto, Catani, Giorgi, Citi, Treves, Troccoli, Lastrucci, Barbieri, Soumaré, Lanza, Mana, Cavazza.
Alcuni notissimi al pubblico SF, altri meno, alcuni cari amici uniti a me da un rapporto di stima prima che d'amicizia. Tutti veramente interessanti.


Qui trovate il link al blog di Alia.

Qui e qui i siti dove potete comprare l'antologia.

Costa poco, vale la pena.
Le chiacchiere stanno a zero. 
Buy or die.






lunedì 16 giugno 2014

Facing The Winds Of Doom: una canzone da Shipwreck!

Qualcuno di voi ormai saprà che è appena uscito in tutto il mondo il concept album Shipwreck della prog rock band Living Stilts capitanata dal compositore e polistrumentista Luca Mavilia.

Qualcun altro saprà che Vincent Spasaro ne ha scritto concept e testi.

Che musica fanno i Living Stilts? Si tratterà della solita band deludente o riusciremo finalmente ad ascoltare qualcosa di  valido?

Potete stabilirlo da soli perché la Musea Records, che distribuisce il disco in Francia, ha messo sul suo canale Youtube la canzone Facing The Winds Of Doom:

eccola qui!

Ora non avete più alcuna scusa.

Se volete supportare il vero rock e magari vi piace anche quel che scrive Vincent, potrete ordinare il disco su Amazon oppure sul sito della Musea o ancora, con copia firmata dal compositore, direttamente sul sito dei Living Stilts.







sabato 14 giugno 2014

Utopia Morbida di Fabio Lastrucci

Fabio Lastrucci è scultore, pittore, sceneggiatore per il teatro, illustratore, fumettista e chissà cos'altro.
Nel cos'altro possiamo inserire a pieno titolo la parola narratore.
Fabio è uno scrittore con due passioni principali: la fantascienza e l'umorismo.
L'anno 2014 resterà forse nella storia per gli estimatori del Lastrucci narratore poiché sono appena usciti due romanzi brevi e un terzo più corposo pare seguirà prima dell'autunno.
Si tratta di tre produzioni molti differenti fra loro. Fondati su temi e stili differenti, danno la misura dell'ampio spettro e delle capacità del creativo napoletano.
Iniziamo da Utopia Morbida, science fiction che già nel titolo riassume tutte le caratteristiche di scrittura di Fabio.
 Trovate tutte le info qui.

Il costo è basso e, come per Clelia Farris, per comprarlo basta un solo clic o poco più.

Avete bisogno d'altro?


venerdì 13 giugno 2014

La pesatura dell'anima di Clelia Farris

L'amica e ottima scrittrice Clelia Farris non ha bisogno di presentazioni: i suoi romanzi di fantascienza hanno ricevuto i maggiori riconoscimenti possibili in Italia e la identificano come una delle voci più originali e mature della letteratura fantastica nel nostro paese.

Da qualche giorno uno dei suoi ultimi romanzi, 'La pesatura dell'anima', ha visto una riedizione editata in formato ebook.

Qui trovate il link a un articolo dell'Unione Sarda che ne parla in maniera molto approfondita.

Il romanzo è ambientato nell'Egitto di un mondo alternativo dove le piramidi non sono solo storia passata.

Non dovete nemmeno fondavi a comprare il romanzo perché potete farlo comodamente da casa con un clic.


Grande prova di un'autrice che farà parlare sempre più di sé.

mercoledì 11 giugno 2014

George Martin for dummies

Questo post è scritto per aiutare i tanti non lettori delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco che intendono continuare a non leggerle ma che desiderano sembrarne esperti.
Si può fare? Si può fare facimente.
Siete dodicenni invaghiti di una ragazza appassionata di cosplay fantasy e quando, con profondo rossore, le avete confessato di adorare Licia Troisi vi ha risposto sdegnosamente di andare a farvi un selfie?
Vi siete iscritti a ingegneria sperando di trovare qualcuno con cui parlare di Star Trek senza essere presi per il deretano e siete precipitati nell'incubo di una setta segreta dedita al culto delle casate del Trono di Spade?
Non riuscite a proseguire nella visione della serie televisiva perché secondo voi Desperate Housewives è molto più epica e drammatica?
Non vi preoccupate. Ho trovato la soluzione che fa per voi.
Ascoltate questa canzone e saprete tutto quel che c'è da sapere per reggere una conversazione sulla saga (saga!) infinita.
Prima dell'ascolto, tre citazioni da infilare qua e là nel discorso per rendersi più interessanti.
1) Lasciate cadere casualmente nella conversazione questa frase: "Però, questi nani... Chi se lo sarebbe aspettato?" Frase da pronunciare ESCLUSIVAMENTE davanti a un pubblico maschile. In caso contrario il fraintendimento è assicurato e così il selfie.
2) Aggungete con aria pensierosa: "Certo che i draghi crescono velocemente!" Se non sapete di cosa state parlando, pensate al ragnetto che non avete schiacciato il mese scorso e che pare aver lasciato il posto a una migale.
3) Questa è da pronunciare in piena estate, soprattutto al mare e in particolare davanti a ragazzine goth con ustioni di terzo grado già alle sei del mattino: "Sento un certo freschetto. Sarà l'inverno che sta arrivando?"
E ora godetevi pure George Martin for dummies.
Se rimorchiate, non ringraziate me ma mio figlio Valerio.


domenica 8 giugno 2014

Vincent proudly presents

Living Stilts from Italy!

Concept and texts by yours truly.

https://www.facebook.com/pages/Azafrán-Media/168213043204860?fref=photo

https://www.facebook.com/livingstilts?fref=ts

Avalaible worldwide via Amazon, in France via Musea, in Mexico via Azàfran.









lunedì 12 maggio 2014

Il maestro Alan D. Altieri recensisce il Demone!

La sontuosa recensione di Alan D. Altieri a Il demone sterminatore suSatisfiction.
"Siamo al cospetto del romanzo fantasy piu’ arcano e spiazzante, gotico e agghiacciante apparso negli ultimi tempi."
Grazie a Gian Paolo Serino e a tutto lo staff per la bella sorpresa.
E grazie all'immenso Alan Altieri, maestro indiscusso dell'apocalisse!


Qui il link alla recensione.



mercoledì 7 maggio 2014

Il nuovo sito di Maurizio Cometto

Ecco a voi il nuovo sito di un autore che mi è particolarmente caro in quanto credo di avere in minima parte contribuito a scoprirne la grandezza:


http://mauriziocometto.weebly.com


Enjoy

mercoledì 23 aprile 2014

Intervista a Vincent sul Demone

Intervista di Christian Lamberti a Vincent Spasaro su Il demone sterminatore.
Grazie a Christian per le domande stimolanti e a tutto lo staff de Il libro del Martedì.
Se qualcuno vuole saperne di più sul Demone, qui trova carta per i suoi denti.


Clicca qui per l'intervista





martedì 1 aprile 2014

Videorecensione Il Demone sterminatore

"Il miglior fantasy italiano che abbia mai letto".
Christian Lamberti videorecensisce Il demone sterminatore per Il libro del Martedì.
Ringrazio Christian che non ho il piacere di conoscere e con lui tutto lo staff.
Intervista sempre per Il libro del martedì a breve.


https://www.youtube.com/watch?v=LXfthHuEhhc

lunedì 3 febbraio 2014

Coming soon

LIVING STILTS, from Italy:
A new member of the Azafrán Media family.

Living Stilts is a musical project conceived by the composer Luca Mavilia with the intention of creating evocative soundscapes and letting the listener’s imagination roam.
The project brings together artists, musicians and friends who share the same feelings and a love for the most visionary music.
The compositions of Living Stilts are inspired by the fantastical, by the most imaginative art, by fiction and by poetry.
The influences range from prog rock and hard rock to Classical music from the Romantic, Baroque and Renaissance periods.
Living Stilts’ creations don’t exhaust themselves over the course of the individual song but should be thought of as suites, and for this reason they favour the concept album form. Voices and instruments are chosen in relation to the colour to be given to the music, and so recited pieces, instrumentals and multiple male and female voices abound.

Living Stilts’ first concept album, currently in the final phase of production, is called Shipwreck and centres around a vessel’s sinking. On the album various voices impersonate the voyagers, their tragedies and their stories. Shipwreck is a highly varied concept album as regards feel and influences, one where prog is married to more crystalline and rock sounds.

The following people participated in the making of the album:

Maria Tomasello - voice
Antonio Bella - voice
Ben McGuire - acting and translation
Alfredo Cassotta - drums and percussion
Vincent Spasaro - lyrics and concept
Luca Mavilia - keyboards, arrangements, voice, programming, mixing and mastering